Emporio della solidarieta Nessun commento

Festival Stili di Vita: una giornata di gioia e festa a Nogarole Rocca

Nonostante la pioggia il Festival Stili di vita si è regolarmente svolto a Nogarole Rocca anche se in una forma ridotta. Grazie alla Parrocchia la location della festa è stata spostata al chiuso tra il centro parrocchiale e il teatro. Una giornata speciale che ha riunito le associazioni del territorio vicariale Villafranca/Valeggio che hanno messo in campo tutto il loro saper fare, con uno stile nuovo e più attento all’ambiente e alla persona, intrattenendo il numeroso pubblico che ha visitato il Festival. Tra gli stand anche quello della Rete provinciale degli Empori della Solidarietà con la proposta di una buonissima e salutare merenda e consigli per una cucina sostenibile.

Dalle 17 poi in teatro un breve bilancio dei 10 anni del Tavolo di Coordinamento Villafranca/Valeggio  e dei 5 anni del Festival con la presidente de Il Giracose, Simonetta Manara e il vicedirettore di Caritas Diocesana Carlo Croce. Quindi i saluti del vicesindaco di Nogarole LucaTrentin e la presentazione del nuovo percorso storico-architettonico del Parco della Rocca. Presenti anche il parroco don Giuseppe Venturini, l’assessore al sociale Elisa Martini, l’assessore alla Cultura e associazioni, Sara Sandrini

Il momento di riflessione affidato all’ospite d’onore, Paolo Beccegato, ha posto l’attenzione sul tema del Festival “Azioni solidali di circolarità” confermando che, se le azioni di ogni individuo, gruppo, associazione, ente locale, puntano al bene comune, lavorando insieme, e soprattutto includendosi a vicenda senza lasciare nessuno indietro, nemmeno se la pensa diversamente da noi, si costruisce il vero bene sociale, lo sviluppo comunitario e della persona umana. “Far del bene è gioia e fatto insieme è una gioia ancora più grande”.

                          

Emporio della solidarieta Nessun commento

Progetto “Leggere: Cibo per la mente”

Il  Progetto “Leggere: Cibo per la mente” vuole mettere direttamente a disposizione dei bambini e degli adulti un certo numero di libri con lo scopo di attribuire valore al libro stesso ed alla lettura e quindi motivando al leggere. Dacci una mano a rifornire gli scaffali della libreria degli Empori della Solidarietà. Scarica il volantino e dona un libro anche tu.

Oggi gli Empori si configurano anche come un’Officina culturale aperta al quartiere e alla cittadinanza intera per fornire informazioni utili, avere occasioni di incontro e relazioni secondo l’etica della prossimità. In questo contesto nasce lo Spazio Lettura degli Empori della Solidarietà. 

All’interno degli Empori è stato individuato uno spazio specifico, accogliente e curato, dedicato al libro ed alla lettura. Uno spazio per la lettura così concepito, può offrire diverse opportunità: può contribuire a costruire familiarità nei confronti del libro, attribuire  importanza  alla lettura stessa e motivare al leggere, diventare  un  punto di  riferimento  (culturale),  un centro  di  raccolta  delle  informazioni  ed  uno  strumento  di  consultazione  per  l’approfondimento  di determinate conoscenze, essere contemporaneamente  il luogo  della  ragione e della fantasia.

All’interno dello Spazio Lettura si potranno concretizzare le seguenti attività: promozione della lettura verso gli adulti e verso i bambini con letture estemporanee e laboratori,  orientamento informativo relativo all’accesso alla biblioteca civica, I libri sono resi disponibili in modalità di “prestito” e “consultazione”.
I libri esposti saranno connessi al tema del cibo, dell’igiene dentale e della comunità. Vi chiediamo quindi di aiutarci a recuperare i titoli che vi elenchiamo nel volantino.

Il progetto LEGGERE: CIBO PER LA MENTE è in collaborazione con la Biblioteca Civica di Verona.

Per info: 0458302649  donazioni@caritas.vr.it

Emporio della solidarieta Nessun commento

Dal Medi di Villafranca un video dedicato all’Emporio Il Tione

Da un progetto creativo dell’istituto superiore Medi di Villafranca, è stato realizzato da Elena Fecchio, Davide Donatelli, Riccardo Baciga e Francesco Bertolini, questo simpatico video che racconta il servizio di Emporio della Solidarietà Il Tione. Il video è poi stato presentato il 24 novembre 2017 all’Assemblea di Istituto generando una gara di solidarietà che ha rifornito di alimenti gli scaffali dell’Emporio locale. Agli studenti autori (che appaiono nel video) rappresentanti di istituto, il nostro più vivo ringraziamento!!
Guarda il video e leggi il PROGETTO GARA DI SOLIDARIETA A SCUOLA novembre 2017

 

Emporio della solidarieta Nessun commento

Il Servizio Civile Regionale agli Empori

Il Servizio Civile Regionale è la possibilità, per i giovani dai 18 ai 28 anni, di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico inteso come impegno per il bene di tutti e di ciascuno, e quindi come valore della ricerca di pace.

Il Servizio Civile volontario garantisce ai giovani una forte valenza educativa e formativa, ed è un’importante occasione di crescita personale, una opportunità di educazione alla cittadinanza attiva. Chi sceglie il Servizio Civile, inoltre, ha la possibilità di arricchirsi professionalmente operando attivamente in un settore di proprio interesse, relazionandosi e cooperando con professionisti esperti e seguendo percorsi formativi mirati.

SCR – Verso il Bando 2018! (clicca qui)

Il Servizio Civile in 7 domande (clicca qui)

Il progetto per gli Empori (clicca qui)

Per fissare dei colloqui informativi sul Servizio Civile Regionale e sul relativo progetto segnala il tuo interesse, senza impegno, inviando una mail a giovani@caritas.vr.it  allegando eventuale CV, o telefonando al numero 045 8300677 (dal lunedì al venerdì 9.00/13.00 – 14.00/16.00).


Info: 
Area Giovani e Volontariato
Tel. 045 8300677
Fax. 045 8302787
E-mail: giovani@caritas.vr.it
Orario: dal lunedì al venerdì 9.00/13.00 – 14.00/16.00

Emporio della solidarieta Nessun commento

10 anni di Emporio in Italia: a Roma anche gli Empori di Verona

Testimoni dell’esperienza degli Empori della Solidarietà anche i rappresentanti dei 6 Empori di Verona e provincia che mercoledì 13 e giovedì 14 sono stati protagonisti a Roma alla festa per i 10 anni di Emporio in Italia. L’incontro, organizzato da Caritas Roma (la prima ad aprire l’Emporio) e Caritas Italiana, vuole celebrare un impegno decennale importantissimo che vede centinaia, se non migliaia, di volontari e operatori dedicati.

Comunità solidali negli anni della crisi: i 10 anni degli empori in Italia A Roma il 13 giugno il Coordinamento nazionale sui Beni materiali e il 14 giugno il Convegno a cui sarà presente e testimone dell’esperienza anche la Caritas Diocesana Veronese che porterà l’esperienza del Veneto. leggi la delibera regionale con le linee guida.

La Caritas di Roma e Caritas Italiana hanno puntato un faro sugli Empori della Solidarietà organizzano una giornata di riflessione a Roma insieme al Coordinamento delle altre 110 Caritas che hanno un Emporio. Al centro della riflessione il ruolo delle comunità ecclesiali, la cui solidarietà sostiene ancora oggi oltre 100 Empori Caritas in tutta Italia. Una rete sussidiaria territoriale che attualmente, con le novità introdotte dal REI e dalla legge antisprechi (166/2016), è chiamata ad attivarsi contestualmente sul fronte della lotta alla povertà e allo spreco.

    

 

Emporio della solidarieta Nessun commento

Laboratori formativi/informativi

Continua la serie di Laboratori formativi/informativi degli Empori. Maggio ha già in programma quattro laboratori che dal cucito, vanno all’uso del computer per proseguire con il laboratorio condotto da Adiconsum sulle utenze domestiche e quello dei dentisti sull’igiene dentale per bambini 3-6 anni.

I lunedì 7-14-21-28 maggio dalle ore 9.00 alle ore 11.00 a Casa Misericordia (Lungadige Matteotti,8 – Verona)  si svolgerà il Laboratorio di Taglio e Cucito, durante il quale i partecipanti impareranno a usare la macchina da cucire per le piccole riparazioni e realizzeranno anche una borsa per la spesa.

In sede Caritas Diocesana i mercoledì 9-16-30 maggio ore 20.00-22.00 si svolgerà il laboratorio Uso del Computer per imparare ad utilizzare le cartelle, il programma Word, i motori di ricerca e l’uso delle e.mail.

Martedì 15 maggio alle ore 17.00 torna all’Emporio Casa del Colle (via Muro Padri,20 – Verona), Adiconsum con il laboratorio su Acqua, luce e gas: controllo delle utenze domestiche. I partecipanti saranno informati sulle strategie per il risparmio domestico e la lettura delle bollette.

Martedì 22 maggio ore 17.00  all’Emporio Casa del Colle (via Muro Padri,20 – Verona) le famiglie con bambini dai 3 ai 6 anni saranno protagoniste del Laboratorio di Igiene dentale . Un incontro formativo e informativo sulle strategie da adottare per mantenere una corretta igiene della bocca e dei dentini fin da bambini. Obbligatoria la presenza dei genitori.

Tutti gli incontri sono gratuiti ma con prenotazione e frequenza obbligatoria.

Iscrizioni: retedonna@caritas.vr.it – tel. 0458300677

                                 

Emporio della solidarieta Nessun commento

Emporio Sona-Sommacampagna: firma Protocollo d’Intesa

Caritas Diocesana Veronese e Rete Talenti, congiuntamente alle Amministrazioni Comunali, alle Parrocchie e alle Associazioni di Sona e Sommacampagna, LUNEDI 16 APRILE  alle ore 11.30 nella Sala del Consiglio di Sona hanno siglato i Protocolli d’intesa che daranno vita all’apertura del settimo Emporio della Solidarietà del veronese nel territorio di Sona-Sommacampagna e la riconferma il rinnovo dell’Intesa della Rete Talenti.

Presenti i rappresentanti delle Amministrazioni Comunali, il vicesindaco Simone Caltagirone per Sona e il sindaco Graziella Manzato per Sommacampagna insieme a Don Antonio Sona, Parroco di Lugagnano per la Rete locale; Mons. Giuliano Ceschi per Caritas Diocesana Veronese con Fabrizio Faccincani delle Conferenze San Vincenzo e Alessandro Ortombina Croce Rossa Italiana per la Rete Talenti e i referenti delle Parrocchie, delle Associazioni, dei Gruppi di Volontariato locali che andranno a sostenere il servizio del nuovo minimarket solidale. La giornata ha anche visto il rinnovo del Protocollo d’Intesa della Rete Talenti che gestisce gli Empori a Verona.

Con l’Emporio Sona-Sommacampagna si aggiunge quindi una nuova perla alla “collana” veronese di punti per la raccolta e ridistribuzione delle eccedenze alimentari con l’obiettivo di rispondere alle situazioni di famiglie in povertà, affiancando anche il sostegno e la valorizzazione delle risorse personali, attraverso un accompagnamento qualificato ed efficace, che prevede anche formazione, per promuovere il raggiungimento di autosufficienza ed autonomia dei nuclei seguiti. Tale modello è stato totalmente assunto dalla Regione Veneto che dal 2011 ha approvato e sostenuto gli Empori su tutto il territorio regionale e, con il Decreto n.11 del 31/01/17 ha anche ratificato le linee guida che indirizzano e regolano la vita degli Empori della Solidarietà.

“Esprimiamo soddisfazione per l’inizio di questo sodalizio che mette insieme le comunità di Sona e Sommacampagna- ha aperto l’incontro il sindaco di Sona Gianluigi Mazzi – per un progetto che unisce i territori con risposte congiunte alla povertà”.

Soddisfazione è stata esperessa anche da Graziella Manzato, sindaco di Sommacampagna che ha tenuto a ringraziare i gruppi del proprio territorio che hanno dato il via all’idea di Emporio che poi si è concretizzata grazie alla collaborazione di una rete solidale imponente, che mette insieme le parrocchie e le associazioni del sociao assistenziale dei due Comuni.

Anche il vicesindaco di Sona, Simone Caltagirone, ha sottolineato quanto con un progetto come l’Emporio solidale il tessuto sociale si occuperà delle proprie famiglie in difficoltà, facendo rete e rendendo concreto il sostegno attraverso un reale “prendersi cura”.

“L’Emporio della Solidarietà – ha aggiunto don Antonio Sona parroco di Lugagnano – sarà l’espressione concreta della collaborazione  tra le parrocchie di Sona e Sommacampagna che lavoreranno per la Carità già come una unità pastorale”.

A don Antonio Sona, parroco di Lugagnano, ha fatto eco mons. Giuliano Ceschi, direttore di Caritas Diocesana e presidente dell’Associazione di Carità San Zeno onlus capofila della Rete Talenti. “Il progetto Emporio ci ha entusiasmato fin dall’inizio del nostro impegno sulla raccolta e ridistribuzione degli alimenti per le famiglie in disagio. Lo abbiamo vissuto come una scappatoia di senso alle miriadi di pacchi e borse distribuite sul territorio dove i beneficiari attingevano a più punti con anche uno spreco di risorse enorma. L’Emporio della Solidarietà ha invece messo assieme organizzazioni, associazioni, enti e persone che lavorano tutte in un’unica direzione e ha trovato anche in Regione Veneto un interlocutore preciso e affidabile”

Al tavolo anche la CRI con Alessandro Ortombrina che ha rimarcato il valore del modello veronese di Emporio “che lega alla distribuzione di alimenti anche la formazione e i laboratori informativi per aiutare complessivamente le persone sostenute attraverso incontri che ne aumentino la consapevolezza e le inducano ad adottare nuovi stili di vita”. Lo stesso ha detto Fabrizio Faccincani Presidente Conferenze San Vincenzo De Paoli, che fa parte già da diversi anni della Rete Talenti ed oggi anche della rete locale di Sona-Sommacampagna, il quale ha puntato l’attenzione sul valore di offrire ai poveri servizi strutturati e organizzati.

Il nuovo minimarket del territorio Sona-Sommacampagna sarà ubicato a Lugagnano in via Don Nascimbeni 1, e aprirà verosimilmente a giugno. Sarà gestito da una fitta rete di volontari.  Come per tutti gli altri Empori anche il nuovo Emporio di Sona-Sommacampagna sarà un progetto sociale organizzato come un supermercato, all’interno del quale i beneficiari, vale a dire nuclei familiari in condizioni di disagio economico temporaneo, potranno reperire, in modo autonomo e secondo le loro esigenze familiari, prodotti alimentari e non solo, della quantità concordata con gli enti del socio-assistenziale che elaborano il progetto di accompagnamento. Naturalmente il beneficio offerto dagli Empori non può essere inteso come totalmente sostitutivo del fabbisogno alimentare delle famiglie ma piuttosto un sostegno parziale alle necessità delle famiglie che devono contribuire al proprio processo di affrancamanto della situazione di crisi in cui si trovano. Un ulteriore sostegno sono gli Eventi di informazione/formazione agli Empori con i quali i beneficiari hanno l’opportunità di incontrare esperti su argomenti quali risparmio energetico, economia domestica, sana alimentazione, utilizzo delle risorse familiari, ecc. per rivedere anche i propri stili di vita.

                                   

 

La rete del nascente Emporio Sona-Sommacampagna è formata da:

– Parrocchia Sant’Anna di Lugagnano (Sona)

– Parrocchia San Salvatore (Sona)

– Parrocchia San Giacomo e Santa Giustina di Palazzolo (Sona)

– Parrocchia di San Giorgio Martire di San Giorgio in Salici (Sona)

– Gruppo di Volontariato Vincenziano Conferenza Sant’Anna di Lugagnano

– Associazione Il Dono

– Centro Aiuto Vita di Lugagnano

– Associazione Nazionale del Fante – Sezione Fanti di Lugagnano

– Gruppo Alpini di Lugagnano

– SOS – Servizio Operativo Sanitario di Sona

– Parrocchia di Sant’Andrea Apostolo di Sommacampagna

– Parrocchia de S.S. Redentore di Caselle di Sommacampagna

– Parrocchia di San Pietro Apostolo di Custoza

– Centro NOI la Quercia di Sommacampagna

– Centro Ricreativo Culturale Anziani di Sommacampagna

– Associazione Missionaria di Sommacampagna

– Gli Amici dell’Ammalato di Sommacampagna

– I Piosi Cooperativa Sociale

– Comune di Sona

– Comune di Sommacampagna

 

 

 

Emporio della solidarieta Nessun commento

Volontari per gli Empori Cercasi

Rete Talenti cerca volontari per gli Empori Don Giacomelli e Casa del Colle. Il servizio impegna poche ore a settimana (anche solo 2 ore)

Si richiede disponibilità per:

Carico e Scarico merci; Prelievo pane; Riordino e cura del magazzino; Riordino e cura degli scaffali

I volontari devono essere in possesso di patente B

Segreteria organizzativa: 0458302649 – volontariato@caritas.vr.it

    

Emporio della solidarieta Nessun commento

Una visita speciale all’Emporio Casa del Colle: Manuela Lanzarin assessore regionale

l’8 marzo all’Emporio Casa del Colle la visita dell’assessore regionale ai servizi sociali Manuela Lanzarin.

Sono 133 mila i veneti assistiti dalla rete degli empori della solidarietà, ‘banchi’ di distribuzione
delle eccedenze alimentari (e non solo) creati dal mondo del volontariato e del non profit e sostenuti
dalle amministrazioni locali e dalla Regione Veneto, ormai “laboratorio” italiano nel contrasto agli
sprechi e alla redistribuzione delle eccedenze alimentari in chiave solidaristica e la prima regione in
Italia a diventare partner istituzionale del progetto, in virtù della propria consolidata storia ed
esperienza in materia di Banco Alimentare, Empori della solidarietà e restituzione di una “ seconda
vita” al cibo non consumato.
“La Regione Veneto investe ogni anno per sostenere la rete degli empori – dichiara l’assessore
regionale ai Servizi Sociali, Manuela Lanzarin – con l’obiettivo di promuovere queste forme
innovative di recupero delle eccedenze e di potenziarne la presenza capillare e l’integrazione con gli
altri servizi. La povertà può essere combattuta solo attraverso un sistema di rete tra enti, istituzioni,
imprese e terzo settore. Gli empori della solidarietà sono un terminale nel territorio di progetti
integrati di presa in carico a sostegno delle famiglie, dei minori, degli anziani sotto la soglia di
povertà. Per noi gli Empori, servizi partiti dal basso stanno trasformandosi in progettualità
strutturali nell’ambito delle politiche dell’inclusione sociale e del sostegno. Il veronese è un
territorio attivo che ha saputo lavorare in Rete e sta funzionando molto bene con la formula
dell’offerta a 360 gradi in cui l’aiuto alimentare concreto si somma a quello formativo ed educativo
per l’adozione di nuovi stili di vita. Per il futuro speriamo di allargare la Rete del recupero delle
eccedenze sensibilizzando imprese ed enti locali alle opportunità offerte dalla legge anti-sprechi.
Inoltre, puntiamo ad affiancare agli empori anche nuovi servizi, come gli ambulatori medici “della
solidarietà” per chi non può permettersi farmaci e cure odontoiatriche e così via”.

Emporio della solidarieta Nessun commento

Meno sprechi e più cibo donato

Cibo e spreco alimentare, torna continuo il tema e insieme ad esso la ricerca di soluzione al problema. Finalmente, sembra che il rapporto tra cibo e risparmio per gli italiani stia cambiando. In Italia la spazzatura contiene sempre meno cibo e aumentano le donazioni da parte delle grandi distribuzioni agli enti caritativi che ridistribuiscono il cibo a quanti sono nel bisogno.  Dopo l’approvazione della legge del settembre 2016 che facilita la donazione alimentare da parte dei supermercati, la distribuzione delle eccedenze è cresciuta del 21%, mettendo sulla tavola dei più poveri pane, yogurt, tonno, pelati e così via. Il Banco Alimentare ha ricevuto 87mila tonnellate di alimenti anche da mense e aziende. E’ poi un esercito di quasi un milione di persone a beneficiare di questa donazione. Insomma gli italiani sembrano essere meno spreconi e più generosi. Da una ricerca del ministero dell’Ambiente con il Dipartimento di Scienze agro-alimentari di Bologna e la Waste Watcher, si rileva che il cibo finito in pattumiera nel 2017 è sceso della metà rispetto all’anno precedente. Da 143 chili a famiglia e 63 chili a persona nel 2016 oggi le cifre sono dimezzate: nell’umido si conferisce in un anno 84 chili di cibo avanzato a famiglia e 36 chili a persona. Insomma la crisi, le campagne di sensibilizzazioni, l’educazione alimentare nelle scuole sono strumenti che funzionano visto che in un anno siamo passati dallo sprecare da 360 euro a 250 euro di cibo. In Europa si sprecano, secondo dati FAO, qualcosa come 89 milioni di tonnellate di alimenti in media, vale a dire, 180 chili pro capite all’anno a partire dal campo coltivato al supermercato alle nostre case.  L’alimento più conferito nell’umido è la verdura, al secondo latte e latticini, poi pane e la frutta. La causa? Disattenzione e il sovrapprovvigionamento.  La regola principale per evitare di riempire la pattumiera di cibo? Fare la lista della spesa scrivendo solo quello che serve. Fare acquisti più piccoli e frequenti non permettono lo spreco e aiuta a risparmiare. Riutilizzare gli avanzi come facevano le nostre nonne.